17-07-2020
News

Superbonus 110%, parte il countdown per i decreti attuativi

Per chi realizza un cappotto termico, sostituisce gli impianti di riscaldamento esistenti con caldaie a condensazione e a pompa di calore, installa pannelli fotovoltaici e colonnine di ricarica per auto elettriche e riduce il rischio sismico degli edifici.

Con 159 voti favorevoli, 121 contrari e nessun’astensione, il Senato ha votato la fiducia al Governo sul disegno di legge di conversione del Decreto Rilancio (DL 34/2020). La legge deve ora essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale . A partire dall’entrata in vigore della legge, scattano i termini per l’approvazione dei provvedimenti e dei decreti attuativi, molto attesi dai contribuenti e dagli operatori del settore.

 

Superbonus 110% fino al 31 dicembre 2021

Il Senato ha confermato, senza alcuna modifica, il testo approvato dalla Camera dei Deputati l’8 luglio.

Tutti i dettagli sugli interventi agevolati

Le detrazioni potenziate saranno in vigore fino al 31 dicembre 2021 (30 giugno 2022 per gli edifici di edilizia sociale). Potranno beneficiarne condomìni, persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati, cooperative di abitazione a proprietà indivisa, onlus, associazioni di volontariato e associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD), solo per lavori sugli spogliatoi.

Superbonus 110%, norme attuative in arrivo.

 

Le norme attuative in arrivo sono:

- il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate con le regole sullo sconto in fattura e la cessione del credito, che deve essere approvato entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge;

- il decreto sui tetti di spesa e i massimali di costo degli interventi, su cui i professionisti dovranno basarsi per il rilascio delle asseverazioni;

- il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (Mise) con le modalità di trasmissione delle asseverazioni all’Enea, da approvare entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge.

  

Superbonus 110%: sconto in fattura e cessione del credito

Entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge, l’Agenzia delle Entrate approverà le regole sullo sconto in fattura e la cessione del credito. Si tratta del provvedimento più atteso dai contribuenti perchè dovrebbe rendere possibile lo slogan del Governo di realizzare gli interventi a costo zero, risolvendo il problema di liquidità che spesso disincentiva la riqualificazione degli edifici.

Il provvedimento dovrebbe anche risolvere le difficoltà che le piccole imprese incontrano nell’anticipazione delle risorse necessarie alla realizzazione dei lavori.

Superbonus 110%, tetti di spesa e massimali di costo.

È in fase di definizione il decreto sui tetti di spesa e i massimali di costo per ciascun intervento. Secondo le legge approvata, sia per ottenere la detrazione sia per optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito, il contribuente deve acquisire l’asseverazione che attesti il rispetto dei requisiti indicati nel decreto, su cui il Governo è al momento al lavoro.

 

Superbonus 110%, trasmissione delle asseverazioni all’ENEA

Entro 30 giorni dall’entrata in vigore della legge, il Mise deve approvare un decreto contenente le modalità operative con cui trasmettere all’ENEA le asseverazioni sul rispetto di questi requisiti e quella sulla congruità delle spese sostenute per la realizzazione degli interventi.

 

fonte: www.edilportale.com

08-06-2020
Ecobonus e Sismabonus al 110%, possibile estensione a tutte le seconde
Realizzato da w-easy